giovedì 6 ottobre 2016

Recensione 'Harry Potter e la maledizione dell'erede' di J.K. Rowling






Harry Potter e la maledizione dell'erede
J.K. Rowling


Editore: Salani Editore - Genere: Bambini e ragazzi
Pagine: 368 - Prezzo: 19,80 € - eBook: 14,99€


È sempre stato difficile essere Harry Potter e non è molto più facile ora che è un impiegato del Ministero della Magia oberato di lavoro, marito e padre di tre figli in età scolare. Mentre Harry Potter fa i conti con un passato che si rifiuta di rimanere tale, il secondogenito Albus deve lottare con il peso dell'eredità famigliare che non ha mai voluto. Il passato e il presente si fondono minacciosamente e padre e figlio apprendono una scomoda verità: talvolta l'oscurità proviene da luoghi inaspettati. Basato su una storia originale di J.K. Rowling, John Tiffany e Jack Thorne. Un nuovo spettacolo diviso in parti uno e due. Il volume conterrà in un'unica edizione entrambe le parti.





Lo confesso, ho tergiversato molto prima di scrivere questa recensione. Non sapevo se farlo o meno. Questo perché quando si tratta di Harry e di zia Rowling io non riesco ad essere obiettiva, a me piacerebbe perfino la loro lista della spesa.
Ora vi starete domandando perché io sia qui a scrivere, ebbene perché in molti mi hanno chiesto cosa ne pensassi. Allora io mi sono messa comoda e, come sempre, ho cercato di immaginare come avrei spiegato un libro del genere senza lode e senza infamia.

Qualcuno ha parlato di mera speculazione, qualcun altro ha detto che questo capitolo non è all'altezza dei precedenti e forse potrebbe essere vero, tuttavia, dietro a tutto questo, io ci ho visto anche una bella storia, una storia che, nonostante tutto, ha molto della mano esperta e dotata di particolare inventiva della Rowling.
La prima cosa importante da stabilire per approcciare al meglio alla lettura di "Harry Potter e la maledizione dell'erede" è che, purtroppo, si tratta di un testo teatrale e, come tale, non presenterà quella parte discorsiva atta a descrivere luoghi e personaggi, dovrete andare molto di fantasia. Un testo teatrale, infatti, è costituito soltanto da battute e piccoli incipit per spiegare a chi osserva cosa sta per accadere in scena. Nonostante ciò, però, l'atmosfera magica si respira eccome. 

Durante la lettura vi sembrerà di tornare indietro nel tempo, la cicatrice tornerà a pulsare sulla fronte di Harry, passato e presente si fonderanno e forse sarà proprio quel passato a prendere il sopravvento sul futuro. Un futuro in cui giovani protagonisti saranno chiamati a confrontarsi con i loro padri perché questa è anche una storia di padri e figli.
Da una parte Albus Severus, un giovane che ha ben poco delle caratteristiche paterne, un ragazzo che dovrà confrontarsi con la figura di suo padre, che non rappresenta un vero e proprio fantasma ma è lì in carne ed ossa, con le sue gesta eroiche. Una figura ingombrante che costituirà un peso sotto il quale soccombere perché lui non si sentirà all'altezza, anzi si considererà una vera e propria delusione.
Dall'altra parte un altro figlio, Scorpius Malfoy, che non ha nulla del nome che porta. Un ragazzo gentile, buono d'animo, senza amici e con un grande macigno da portare: l'essere additato dai più come figlio di Voldemort. Un ragazzino che, nonostante i pochi tratti descrittivi e l'assenza di una narrazione che ci aiuti ad entrare nella sua testa, nei suoi pensieri, rappresenta uno dei personaggi al quale non ci si può non affezionare. 
A fare da sfondo alle vicende che prendono piede man mano che ci si inoltra nella lettura ritroverete i luoghi tanto amati, i personaggi che hanno fatto la storia di Hogwarts, più grandi di quando li abbiamo lasciati e con tanti nuovi problemi soprattutto legati alla sfera genitoriale. Non mancheranno piccoli flashback che porteranno a galla una miriade di ricordi emozionanti e quel pizzico di magia che non guasta mai.


"L'amore acceca. Non abbiamo voluto dare ai nostri figli quello di cui avevano bisogno, ma quello di cui avevamo bisogno noi. Siamo stati così occupati a riscrivere il nostro passato che abbiamo rovinato il loro presente."


Non mi aspettavo un'avventura strabiliante quando ho acquistato il romanzo, ma nutrivo una profonda curiosità che mi ha spinta a dargli un'occhiata più da vicino. 
A primo impatto si potrebbe avere una qualche difficoltà ad abituarsi ad un tipo di scrittura essenziale, priva di fronzoli, e costituita solo da quelle che sono le battute del copione. Una volta presa la mano il romanzo si lascia leggere speditamente e nel mio caso mi ha spinta a volerne sapere sempre di più fino al raggiungimento dell'epilogo.
Una lettura fuori dagli standard, se non siete abituati al tipo di scrittura in questione, ma una rappresentazione teatrale assolutamente da vedere per essere vissuta a pieno sulla propria pelle. Peccato doversi accontentare solo dell'opera scritta!





20 commenti:

  1. Noi lettrici e la nostra strana passione per le liste della spesa dei nostri scrittori del cuore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà chi mi ha trasmesso la mania delle liste in senso generale :)

      Elimina
  2. Lista della spesa della Rowling anche per me! Albus Severus e Scorpius già mi piacciono.
    un caro saluto da Lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tra i due ho davvero adorato Scorpius nonostante non sia una versione romanzata, quindi poche caratteristiche e tratti a cui fare riferimento :)

      Elimina
  3. Sono molto combattuta se prendere questo libro o meno. DA un lato vorrei tutto quello che ha a che fare con la Rowling, dall'altro non sono del tutto convinta. Magari me lo regalo il prossimo Natale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh, iniziamo a pensare ai regali di Natale? Mi hai dato un'ottima idea :)

      Elimina
  4. Niente lo devo prendere. Lo sapevo già, era già in lista, e ne son sempre più sicura :D

    RispondiElimina
  5. al momento ho la versione ebook e sono ancora indecisa se cominciarlo oppure no. poi ci penso e dico che vorrei il cartaceo ma poi cambio idea.
    Harry mi ha avvicinata tanto alla lettura fantasy, prima non la consideravo nemmeno e ho paura, una tremenda paura che questo erede possa non colpirmi al cuore.
    ma poi mi dico JK è JK io la amo!
    si vede che sono indecisa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto :) Ti direi di iniziare dall'ebook. Leggi poche pagine e se non scatta la scintilla chiudi tutto, tanto lo saprete solo voi se non ha funzionato :)

      Elimina
  6. Ciao Anna!!
    Bellissima recensione come sempre! ;)
    Il fatto che non sia un romanzo però è una cosa che proprio non mi va giù :/
    Rimango ferma al settimo libro e, per me, ultimo in assoluto. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Jasmine, magari se pubblicano davvero la versione romanzata potresti farci un pensierino :)

      Elimina
  7. Comprato e ancora da leggere, bellissima recensione e soprattutto una delle pochissime positive complimenti davvero mi sono unita ai tuoi "lettori fissi" hai un blog bellissimo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!Benvenuta e grazie dei tanti complimenti :)
      Sono appena passata da te ;)

      Elimina
  8. Ciao Anna, io della Rowling ho letto solo Il baco da seta del famoso maghetto nulla! Ora non pensare male ma sto aspettando che mia figlia impari a leggere per scoprire insieme le avventure del protagonista!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rosa, quello che hai scritto è molto bello, non potrei mai pensare male! Credo che Harry sappia conquistare grandi e piccini quindi godetevi il momento quando sarete pronte entrambe :)

      Elimina
  9. Anna... confesso, non ho mai letto Harry Potter...e manco visto un film... volontariamente si intende :-p
    Comunque la recensione mi invoglia almeno a provarci, magari parto dal primo eh!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cuore parti dal primo, assolutamente! Secondo me ti conquisterà perché Harry e la Rowling sanno come fare a farsi breccia nei cuori dei lettori, grandi e piccini :)

      Elimina